Seguici su mobile

ORDINANZA SINDACALE N. 6 DEL 2017

ORDINANZA SINDACALE N. 6 DEL 2017

2017-06-06 14:30
pulizia-terreni-300

PULIZIA TERRENI E AREE NEL CENTRO ABITATO - PRESCRIZIONI
A TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E PREVENZIONE INCENDI

 

IL SINDACO

· VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 23/11 del 9 maggio 2017 concernente
le Prescrizioni Regionali Antincendio approvate per l’anno 2017.
· RICHIAMATA la legge del 21 novembre 2000 n. 353 “ Legge quadro i materia di incendi
boschivi.
· VISTO il Piano Comunale di Protezione Civile – Rischio Incendio d’Interfaccia, approvato
in via definitiva con la Deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 21/05/2014.
· VISTO il Regolamento Comunale di Polizia Urbana e s.m.i..
· TENUTO CONTO che, con il verificarsi delle condizioni stagionali che favoriscono la
diffusione delle zanzare, zecche ed ogni altro insetto, è consuetudine attivare sull’area
urbana e nelle immediate periferie ogni misura utile a tutela della salute pubblica,
dell’igiene ambientale e della prevenzione incendi.
· CONSIDERATO che l’incuria e l’abbandono delle aree libere non edificate, dei terreni
confinanti con fabbricati o edifici e dei fondi, costituiscono per la presenza di sterpaglie,
cespugli, ramaglie, erbacee, arbusti e piante arboree infestanti, focolaio degli agenti
infestanti, nonché condizione ideale per la proliferazione di ratti, roditori e parassiti.
· ATTESO che ogni forma di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti sul suolo,
costituisce un pericolo costante per l’inquinamento del territorio.
· PRESO ATTO dello stato di degrado e di abbandono in cui versano varie aree urbane,
cortili e fabbricati fatiscenti.
· RITENUTO opportuno, necessario ed urgente programmare tutti gli interventi ed
adottare tutte le misure tese alla tutela della salute e dell’igiene pubblica, della prevenzione
degli incendi e di protezione dell’ambiente.
· SENTITO il Comando del Servizio di Polizia Locale dell’Unione dei Comuni del Gerrei.
· VISTA la legge 24 novembre 1981, n. 689.
· VISTO il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152.
· VISTO l’art. 50 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 e successive integrazioni e modificazioni.
· VISTO il Testo Unico delle leggi sanitarie n. 1265 del 27.07.1934 e s.m.i..

ORDINA

Nelle aree ricadenti nel centro abitato e periferie ad esso adiacenti, entro un raggio di metri 50
dalle ultime abitazioni ricadenti in area urbana, sia di proprietà di privati che di Enti Pubblici, i
seguenti provvedimenti:

1. Ai proprietari o detentori di cortili e di aree edificate e non, di provvedere alla cura
e alla bonifica delle stesse mediante falciatura dell'erba e rimozione dei residui di
falciatura e/o eventuale aratura superficiale (20 - 30 centimetri).
2. Ai proprietari o detentori di fabbricati urbani fatiscenti di tenere gli stessi sgombri
da immondizie, nonché di provvedere alla falciatura e alla rimozione dell’erba sia
all’interno dell’area sia su quelle prospicienti la pubblica via.
3. A tutti i cittadini di evitare il deposito di avanzi di cibo che possano fungere da
richiamo e sostentamento per gli animali randagi.
4. Ai proprietari di cani di custodire i loro animali presso le loro abitazioni evitando di
lasciarli vagare liberi nel centro abitato e nelle campagne circostanti, di sottoporli ai
controlli sanitari, di provvedere alla loro cura e disinfestazione ogni qualvolta sia
necessario avvalendosi della consulenza del Servizio Veterinario, provvedendo a
garantire uno spazio adeguato nel proprio cortile sufficientemente curato (con
pavimentazione facilmente lavabile).
5. Ai proprietari o detentori di cortili o fondi di cui al comma 1, di detenere per non
più di una settimana raccolte di acque permanenti in pozzi, cisterne, recipienti senza
una difesa meccanica e tecnica che impedisca lo sviluppo di zanzare.
6. Ai proprietari e conduttori delle greggi il divieto di pascolo per un raggio di almeno
100 mt. dal perimetro urbano.
7. Ai proprietari e/o conduttori di terreni prospicienti le strade comunali e vicinali di
ripulire, dalle erbacce, sterpaglie, rovi ed eventuali rifiuti, l’area limitrofa alla strada
pubblica per una fascia di larghezza non inferiore a 3 metri calcolati a partire dal
limite delle relative pertinenze della strada medesima.
8. Ai proprietari e/o conduttori di fondi agricoli di creare una fascia parafuoco, con le
modalità di cui al comma 7°, intorno ai fabbricati rurali e ai chiusi destinati al
ricovero di bestiame, di larghezza non inferiore a 5 metri.

PRESCRIVE

Le disposizioni previste dalla presente Ordinanza Sindacale, dovranno essere eseguite entro e non
oltre il 10 GIUGNO 2017, inoltre il proprietario o detentore delle aree di cui sopra dovrà curare
la pulizia delle aree come da disposizioni precedenti fino al 31 OTTOBRE 2017, data fissata per
la cessazione dell’emergenza incendi.
Le disposizioni previste dalla presente Ordinanza Sindacale hanno efficacia immediata cioè
contestualmente all’affissione all’Albo Pretorio e dovranno essere rispettate fino al termine
dell’emergenza e comunque saranno efficaci sino alla eventuale revoca dell’Ordinanza.
Le manifestazioni pirotecniche previste nel “periodo di elevato rischio di incendio”, ossia dal 01
giugno al 31 ottobre, devono essere autorizzate dal Servizio Territoriale del Corpo Forestale e di
Vigilanza Ambientale competente per territorio, previa formale richiesta da inviare almeno 10
giorni prima dello spettacolo.
In caso di inosservanza di tali disposizioni e trascorso inutilmente il termine ultimo per
l’esecuzione di quanto disposto con la presente Ordinanza, si procederà all’irrogazione delle
sanzioni previste, cui seguirà formale diffida ad eseguire quanto disposto entro 15 giorni dalla
data di notifica.
Decorso tale termine il Comune provvederà direttamente a far eseguire gli interventi necessari
addebitandone le spese agli inadempienti interessati.
L’inottemperanza agli obblighi e divieti disciplinati dalla presente Ordinanza, fatta salva l’azione
penale, ai sensi dell’art. 650 del codice penale, comporterà l’applicazione di una sanzione
amministrativa pecuniaria da EURO 25,00 a EURO 500,00 come disposto dal comma 1 bis
dell’art. 7 bis del T.U. 267/2000, introdotto dal D.L. 31/03/2003 n.° 50.

Allegati

AllegatoDimensione
ORDINANZA SINDACALE N. 6 DEL 20172.16 MB